Da Bologna a Firenze a piedi: la Via degli Dei

Conoscete la Via degli Dei? E’ un bellissimo itinerario, da percorrere a piedi o in mountain bike, che collega Bologna e Firenze. Un cammino non troppo lungo, percorribile in una decina di giorni, che collega due meravigliose città d’arte.

La Via degli Dei | di Stefano Fazzioli | Edizioni dei Cammini 2016 | 162 pp | 15€

Chissà perchè, ma siamo abituati a immaginare il camminare solo in natura. Anche tra coloro che amano camminare e lo fanno con buona frequenza, è poco diffusa l’abitudine di iniziare a camminare in città, appena chiusa la porta di casa.

Saliamo in macchina, guidiamo, parcheggiamo la macchina da qualche parte, all’imbocco del sentiero, e poi iniziamo a camminare. Stiamo fuggendo dalla realtà. Abbandoniamo il presente per immergerci completamente nella natura, con un evidente contrasto tra il luogo della nostra vita quotidiana e quello della nostra attività preferita: camminare.

Ma in fondo camminare è camminare: perché spostarci in macchina se il nostro fine è proprio muovere i piedi?

Dalla città alla campagna

Ok, ammettiamo che in moltissimi casi la geografia non ci aiuta, oppure non incontra i nostri gusti personali. Sicuramente non è questo il caso! Partiamo da Piazza Maggiore e in meno di un’ora siamo in collina, e da lì è tutta discesa: una viaggio magnifico verso la città di Dante e Petrarca.

Il cammino inizia in città, il luogo per eccellenza in cui si esprime la civiltà umana, e a poco a poco ci accompagna tra campi e foreste, in luoghi quasi intoccati dalla civilizzazione.

Lentamente attraversiamo le vie del centro accompagnati dalle architetture maestose che a poco a poco diventano sempre meno solenni e sempre più residenziali. Un passo alla volta i palazzi accatastati l’uno sull’altro si diradano, si abbassano diventano villette, e infine il prato, il bosco riprendono il loro posto sulla terra, e senza essercene resi conto siamo immersi nella natura. Avremmo potuto parcheggiare l’auto a pochi metri da dove ci troviamo, ed evitare così qualche ora di cammino. Ma in questo modo ci siamo conquistati l’aria aperta, e che soddisfazione l’averlo fatto con le nostre gambe!

Dove e cosa

Ecco, camminare lungo la Via degli Dei significa non evitare tutto questo. Il cammino è lungo 130 chilometri, e in parte ricalca l’antica via Flaminia Militare. I sentieri attraversano l’Appennino Tosco-Emiliano, un paesaggio aspro e selvaggio in cui si gode di una grande tranquillità e di panorami incantevoli.

Le caratteristiche della guida

Completa, precisa, dettagliata. Le informazioni non mancano di certo.

Il cammino è idealmente suddiviso in 9 tappe, a ognuna delle quali è dedicato un capitolo della guida. L’autore tuttavia fornisce anche altre soluzioni, da due a otto giorni, e consiglia di percorrere la Via degli Dei in sei giorni.

Ogni capitolo riporta alcuni dati tecnici della tappa: lunghezza in km, dislivello in salita e in discesa, ore di cammino stimate. La prima parte del capitolo riporta la descrizione puntuale dell’itinerario, con le svolte da prendere, i punti di riferimenti, le possibili varianti: insomma, tutte le informazioni che possono tornarci utili durante la camminata. L’autore, Stefano Fazzioli, è una guida e opera proprio sulla Via degli Dei. Credo che la precisione nel descrivere la via da percorrere sia dovuta proprio a questo fattore: sembra di percepire la sua preoccupazione che il lettore possa sbagliare strada!

La seconda parte invece è dedicata alla descrizione dei luoghi significativi, dei monumenti e della storia delle terre che incontreremo durante il cammino. Senz’altro molto completa, con un gran numero di schede dedicate a elementi interessanti.

Nel complesso una guida molto affidabile, a cui mi affiderei ciecamente prima e durante il cammino. Due parole anche sulla casa editrice, che merita sicuramente un plauso e grande fiducia per essersi affacciata da poco sul mercato editoriale, dando voce al mondo del cammino su scala nazionale.

Tuttavia ci sono alcune macchie. Rispetto alla maggior parte delle guide, La Via degli Dei di Edizioni dei Cammini può risultare un po’ prolissa, ad alcune tappe sono dedicate fino a 15 pagine. Forse per questo motivo, il carattere con sui è stampata è molto piccolo e potrebbe risultare difficile da leggere soprattutto se abbiamo necessità di consultarla lungo la strada e di trovare rapidamente il passaggio che ci interessa per capire se ci siamo persi. Infine le cartine, sebbene molto precise, possono risultare di non immediata comprensione.